Crea sito

Proverbi Pugliesi

I proverbi, quelle frasi fatte che i nostri genitori e nonni amano ripetere in ogni situazione, ma che poi rispecchiano perfettamente i fatti del quotidiano. Mi piace poterli raccogliere tutti, soprattutto espressi nel dialetto del mio paese, il Modugnese. Ogni paese in Puglia ha un dialetto più o meno diverso da quello dei paesi limitrofi, quindi sicuramente gli stessi proberbi differiranno di qualcosa se pronunciati nel dialetto non modugnese. Addirittura Modugno ha 2 dialetti, il primo detto "du sin e non", il secondo "du Soin e Naun" (del si e del no); il primo è una versione più italianizzata, il secondo, quello più arcaico, è parecchio più colorito e difficile da pronunciare/ascoltare.

Ecco i proverbi:

1. A lava' la cap o ciucc s' perd jacq, timb e sapon          (inutile lavare la testa al ciuccio, ci rimetterai sempre)

2. La jat com la min a min cat semb sop al ciamb          (puoi lanciare il gatto come vuoi, cadrà sempre sulle zampe)

3. L'acqu che non à fatt n'giel sta          (cielo grigio ma niente pioggia? prima o poi cadrà)

4. Cil a p'kredd, piog a cat'ned          (Cielo con le nuvole a forma di pecorelle, acqua in abbondanza)

5. C' smond e rimond non berd ma timb          (In fase di costruzione, smontare e rimontare non è mai tempo perso)

6. Cogji l'acqu aquan kiov          (quando piove raccogli l'acqua e mettila da parte)

7. 'mbar l'art e mett'l da par          (Impara qualsisai cosa ti capita nella vita, prima o poi potrebbe servirti)

8. Pov'r vend che jackj nu trist padron          (Povera la pancia del padrone triste - colui che non la soddisfa abbastanza)

9. C fasc p' se' fasc p' tre          (Chi fa da se ottiene molti più risultati)

10. C' s disc? Ca l' sard s mangn l'alisc          (Quando 2 persone si incontrano per strada l'uno cheide a l'altro "Che si dice?" E l'altro risponde "Che le sarde si mangiano le alici")

11. U lup perd u pel, non u vizj          (Il lupo può perdere il pelo, non il vizio)

12. La rasc com la uè la fasc          (La razza - il pesce - la puoi cucinare in qualsiasi modo, è sempre buona)

13. San Giuan, ogni c'lum pass da 'ngan          (Il giorno di San Giovanni finiscono i fioroni)

14. Megj f'rit ca muert          (In battaglia meglio uscirsene ferito che morto)

15. U' acid pisc u lit e u cul jav mazzat          (Il pisellino fa la pipì a letto e il culetto viene sculacciato)

16. U pan a ci nan den l' dind          (Chi non ha i denti si ritrova con il pane)

17. U grass accommogj l'ekj          (L'abbondanza non fa più vedere bene e soprattutto ragionare)

18. La rascion s' da a l fis          (La ragione si da ai fessi)

19. Advin e fat ricc          (Colui che è capace a indovinare ha possibilità di arricchirsi)

20. C spart jav la megja part          (Colui che divide si prende la parte migliore)

21. Tard s'à fat e l'amicizj s' spart... nan dig sciamanin, ma c' cazz stam a fa?          (Si è fatto tardi e la compagnia si deve dividere. Non sto dicendo andiamocene... ma cosa        diamine stiamo facendo andora qui?)

22. La cer s strusc e la procession nan camin          (La processione procede a rilento, quindi le candele si consumano ma tutto intorno è fermo)

23. Megj u uev josc che la jaddin crà          (E' meglio l'uovo oggi che la gallina domani)

24. U uekj du padron 'ngrass u majal          (Le attensioni del padrone consentono una miglior crescita del maiale)

25. Crist l' fasc, po l'accokj          (Il Signore ha creato quei 2, poi li ha uniti perché simili)

26. C' s' vand assul nan val nu fasul          (Colui che si vanta da solo non vale neanche un fagiolo)

27. Nan pot'n sta du pit jind a na scarp          (Nella stessa scarpa non possono esserci 2 piedi - Non possono convivere 2 persone troppo simili)

28. Biat a c' t' vet          (Da dire a colui che si fa desiderare... beato chi ti vede)

29. U vov disc k'rnut o ciucc          (Il bue grida all'asino "Cornuto")

30. C bell uè pare' addà zappà          (Se vuoi farti bello devi lavorare)

31. N'scuin nasc 'mbarat          (Nessuno nasce già istruito)

32. C si bell, com o cul d'Isabbell          (Se bello come al deretano di Isabella)

33. U sin avv'cin, un non all'ndan          ( l'accordo avvicina, la negazione causa la rottura dei rapporti)

34. Skut 'n gil che mbac t ven          (Se sputi verso l'alto in faccia ti tornerà - se offendi chi è in cielo, ti si ritorcerà contro)

35. Skut jind o piat addò sta a mang          (Stai sputando nel piatto in cui stai mangiando - riferito a chi critica quello di cui gode)

A tal proposito suggerisco l'acquisto dei seguenti libri molto interessanti